Boschi e prati punteggiati dai masi sono ciò che ci rimane negli occhi e nel cuore. La Val Pusteria è una valle verdissima, con un centro storico e turistico tra i principali delle Dolomiti quale Brunico, dominata a nord dalla Val di Tures, mentre a sud dal Plan de Corones.
Suggestivi sono i paesini e le grandi fattorie a nord di Brunico.

D'inverno la Val Pusteria è immersa in un scenario di piste e impianti di risalita d'avanguardia: stiamo parlando di Plan de Corones, zona sciistica facente parte del Dolomiti Superski e caratterizzata dal famoso "panettone". Qui si può sciare 150 giorni all'anno! Dove la Val Pusteria inizia ad estendersi, dove la Rienza scorre tranquilla e dove si innalzano dolci altipiani, è situato il paese di Casteldarne.
Casteldarne si stringe tutto attorno alla collina del castello, ed è raggiungibile da Chienes attraverso la cosiddetta "via romana". Il castello, Schloss Ehrenburg in tedesco, fu costruito dai conti Künigl, che ancora oggi ne sono proprietari, nel XVI secolo ai piedi del Monte Grezzo e rappresenta l’attrazione principale del paese. Nel 1700, in periodo barocco, vennero aggiunte una torre quadrata e due circolari abbellite da merlature ghibelline. Attualmente Casteldarne può vantare il fatto di essere uno dei pochi castelli visitabili completamente arredati.
Tuttavia, prima di lasciare Casteldarne, vale la pena fare una visita anche alla Chiesa barocca dove è conservata l'immagine miracolosa della Madonna del grano.

D'inverno il paese colpisce soprattutto per lo straordinario panorama soleggiato ed innevato che esercita un fascino irresistibile, non solo per gli amanti degli sport invernali.
Infatti, oltre allo sci che qui si può praticare lungo le stupende piste della ski area Plan de Corones, si possono fare anche rilassanti passeggiate nella candida neve, magari su slitte trainate dai cavalli, pattinaggio, slittino o curling.